26 Novembre 2020
TUTTE LE NEWS

ITALIAN BAJA - CAMPIONATO ITALIANO CROSS COUNTRY RALLY -

16-03-2014 21:57 - Cross Country Rally
codeca fedullo
codeca fedullo
Codecà e Fedullo, Suzuki Grand Vitara primi del Tricolore
Alrajhi e Gottschalk vincono la prova iridata all´Italian Baja


L´equipaggio della Suzuki Lorenzo Codecà e Bruno Fedullo, a bordo della Grand Vitara 3.6 V6 s´aggiudica il primo round della serie Tricolore ACI Csai, regolando al traguardo Riccardo Colombo e Massimiliano Catarsi, secondi su Mitsubishi L200 Pick Up Rteam. Sfortunati Borsoi e Rossi, fermi nell´ultimo Settore Selettivo, perdendo la prima posizione in gara. Al traguardo, seppur in ritardo, Miki Biasion al volante del nuovo Mitsubishi L200 Pick Up. Spinetti e Giusti primi del Suzuki Challenge su Grand Vitara 1.9 DDiS. Tomasini e Mirolo primi del Gruppo TH su Nissan Patrol



Pordenone, 16 marzo 2014 - L´Italian Baja 2014 è stata incerta come negli ultimi anni. Quest´anno è stato il serrato duello tra Boris Gadasin con il G-Force Proto ed il saudita Yazeed Alrajhi su Toyota Hilux Overdrive a focalizzare le attenzioni, con quest´ultimo a salire più altro gradino del podio da vincitore, con 44 secondi di vantaggio sul russo.



Sono Lorenzo Codecà e Bruno Fedullo ad inaugurare il Campionato Italiano Cross Country Rally, vincendo la classifica del Tricolore all´Italian Baja al termine di una gara di rimonta a bordo del Suzuki Grand Vitara 3.6 V6. "Per vincere serve una squadra affiatata, tecnicamente preparata, un mezzo competitivo ed...un equipaggio all´altezza, Suzuki ha messo in campo tutto questo all´Italian Baja e, con un pizzico di fortuna, siamo riusciti a risolvere una situazione che avrebbe potuto aver altro esito. Spiace per Borsoi, l´avrebbe meritata ampiamente la vittoria, purtroppo queste sono le gare". Non era iniziata nel migliori dei modi la tre giorni pordenonese per loro che hanno patito diversi inconvenienti, derivanti dalla durezza del tracciato di gara che, come sempre ha messo in ginocchio quasi tutti i concorrenti. L´elenco degli italiani che hanno alzato bandiera bianca, o sono stati rallentati pesantemente, è lungo e quasi tutti bloccati in uno dei profondi guadi che hanno punteggiato i cinquecento chilometri del tracciato di gara. Da Petrucci, fermato con il Great Wall in panne, a Salerno, che ha sbattuto e rotto una sospensione del nuovo prototipo; da Colombo che ha iniziato con l´appannamento dei vetri del Mitsubishi L200 Pick Up Rteam e proseguito con un motore non al massimo; all´esordiente Dalmazzini che ha sbattuto in una serie di profonde buche causando la rottura del differenziale del Suzuki Grand Vitara 2.7 V6; ma anche Miki Biasion non è stato indenne da inconvenienti al Mitsubishi L200 Rteam, ai quali hanno posto rimedio solo nel finale; oppure lo stesso vincitore Codecà e, soprattutto, Elvis Borsoi, il vincitore morale della Baja pordenonese.

Il veneto dello Rteam, in coppia con l´aretino Stefano Rossi, ha guidato con accortezza e sufficiente velocità per superare tutte le insidie del tracciato, mettersi al comando della graduatoria assoluta Tricolore e di quella del Gruppo T2 dei veicoli di serie, per poi veder sfuggire la meritata vittoria ad un passo dal traguardo per la rottura della frizione. Il veneto è riuscito a raggiungere la Fiera di Pordenone e piazzarsi in quarta posizione, secondo del T2

Al termine della impegnativa gara friulana, Colombo è secondo alle spalle di Codecà, riuscendo a segnare il miglior crono in alcune prove, il lombardo conclude precedendo l´elbano Alberto Spinetti, terzo dell´italiano ma primo del T2 e del Suzuki Challenge.

Quarto Borsoi e quinto il rientrante Andrea Luchini, secondo del trofeo monomarca Suzuki, a bordo del Grand Vitara 1.9 DdiS con qualche segno sulla carrozzeria.

Sesto è giunto al traguardo il romano Massimo Mancusi, terzo tra le Suzuki di serie, seguito da Carmine Salvi, con il Mitsubishi Pajero, davanti ad Andrea Lolli e Armando Accadia. L´esperto pilota milanese con all´attivo la partecipazione a tutte le quindici edizioni del Suzuki Challenge, s´è visto privare della seconda piazza nel trofeo, terza assoluta, restando imbrigliato nell´impegnativo guado.



Anche il friulano Luca Giomini ha il suo da recriminare, per la rottura del suo Pajero che non gli ha permesso di firmare la gara del Gruppo TH, lasciando la vittoria a Mauro Cantarello su Mitsubishi Pinin. Terzo s´è piazzato Federico Crozzolo, Nissan Patrol, quarto Denis Bevilacqua con il Suzuki 1900.



Assoluta CI Cross Country Rally: 1. Codecà-Fedullo (Suzuki New Gran Vitara) in 4´02´15; 2. Colombo-Catarsi (Mitsubishi L200) a 48"; 3. Spinetti-Giusti (Suzuki Vitara) a 9´07"; 4. Borsoi-Rossi (Mitsubishi Pajero) a 1h36´14"; 5. Luchini-Bosco (Suzuki New Gran Vitara 1.9 DDiS) a 1h41´29"; 6. Mancusi-Castellani (Suzuki Gran Vitara DDiS) a 1h42´58"; 7. Salvi-Salvi (Mitsubishi Pajero) a 2h00´46"; 8. Lolli-Forti (Suzuki Vitara) a 4h12´41; 9. Accadia-Darchi (Suzuki Nuovo Gran Vitara) a 7h02´37"; 10. Biasion-Briani (Mitsubishi L200) a 9h17´30.



Classifica provvisoria: 1. Codecà punti 39; 2. Colombo 26,7; 3. Spinetti 26; 4. Borsoi 19,5; 5. Luchini 14,3.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:
Per poter entrare a far parte della comunità on-line di www.racepilot.com e accedere ad alcuni servizi quali richieste di informazioni è necessario effettuare la registrazione al sito www.racepilot.com
Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti ed eventuali preventivi.

DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento intermini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi info@racepilot.it . I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server di italiasport.net s.r.l. oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1042761 ). Questo riportato è l´indirizzo controllato in data 28/11/2008 se successivamente variato, non è di nostra competenza, ti consigliamo di cercare sul sito del Garante della Privacy e/o sul sito della Guardia di Finanza.

Titolare del trattamento di dati personali è Racing Press di Paolo Mattiazzo, via Ussi, 22 50018 Scandicci (FI) - tel. 055254690, e-mail: info@racingpress.it. Responsabile designato è Paolo Mattiazzo.
Per ulteriori informazioni:
info@racingpress.it


torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio