UA-9831219-1
14 Novembre 2019
[]

TUTTE LE NEWS

MUGELLO : CIGT ENDURENCE LA CRONACA

07-10-2019 17:26 - velocità pista
GT ENDURANCE PARTENZA
GT ENDURANCE PARTENZA
Mugello, gara a Gai-Fuoco (Ferrari 488) e titolo italiano a Stefano Gai mentre nella GT4 alloro tricolore per Ghezzi-Chiesa (Porsche Cayman)


I portacolori della Scuderia Baldini 27 hanno preceduto Postiglione-Mul-Frassineti (Lamborghini Huracan) e i neo campioni italiani Pro-Am Stefano Colombo e Francesca Linossi, coadiuvati da Daniel Zampieri (Mercedes AMG GT3). Ritiro per la BMW M6 GT3 di Comandini-Johansson-Zanardi.
Image
È Stefano Gai (Ferrari 488), per un solo punto, il vincitore del Campionato Italiano Gran Turismo Endurance 2019. Al termine di una gara combattuta e ricca di colpi di scena, il portacolori della Scuderia Baldini 27, affiancato dal pilota della Ferrari Driver Academy Antonio Fuoco, è salito sul gradino più alto del podio davanti a Postiglione-Mul-Frassineti (Lamborghini Huracan-Imperiale Racing) e ai neo campioni italiani Pro-Am, Francesca Linossi e Stefano Colombo, in equipaggio con Daniel Zampieri (Mercedes AMG GT3-Antonelli Motorsport). Sfortuna, invece, per Comandini-Johansson (BMW M6 GT3), leader del campionato alla vigilia della gara, impegnati nell’ultimo round stagionale assieme ad Alex Zanardi e ritiratisi per un problema meccanico, che hanno concluso per un solo punto alle spalle di Gai e davanti, per un sola lunghezza, a Postiglione-Mul-Frassineti. L’alloro tricolore della classe GT4 è andato a Giuseppe Ghezzi e Riccardo Chiesa (Porsche Cayman-Autorlando), sul gradino più alto del podio assieme a Fabio Babini, mentre nella GT Light si sono confermati Gian Piero Cristoni e Mattia Michelotto (Lamborghini Huracan ST), già vincitori del titolo nell’ultimo appuntamento di Vallelunga.


GT3: E’ stato un finale di stagione entusiasmante quello andato in scena all’autodromo del Mugello, risolto solo sul filo dei secondi a favore del milanese Stefano Gai, al volante della Ferrari 488. Per il portacolori della Scuderia Baldini 27 si è trattato del secondo titolo, dopo quello vinto nel 2016, sempre con la Rossa di Maranello. Ma questa volta il sapore della vittoria è ancora più dolce per Gai, al termine di una stagione che lo aveva visto in equipaggio, nei primi tre appuntamenti, con Giancarlo Fisichella e Jacques Villeneuve. I due piloti, a causa di concomitanti impegni all’estero, non hanno preso parte al gran finale del Mugello, ma al loro posto è arrivato un altro grande campione, Antonio Fuoco, pilota Ferrari Driver Academy. Il 23enne cosentino è stato impeccabile nei due stint disputati, soprattutto nel finale di gara, quando è riuscito a raggranellare secondi preziosi agli avversari diretti per il titolo, Postiglione-Mul-Frassineti. Ed in effetti, il titolo assoluto è stato assegnato per una manciata di secondi, dopo che l’equipaggio dell’Imperiale Racing aveva tagliato per primo il traguardo. Ma una penalizzazione di 5 secondi per partenza anticipata in occasione del restart all’uscita di una delle due safety car, ha retrocesso Postiglione-Mul-Frassineti sul secondo gradino del podio e al terzo posto in campionato a soli due lunghezze dal neo campione Stefano Gai. In classifica generale, il pilota milanese ha preceduto di un solo punto Stefano Comandini ed Erik Johansson, i portacolori dei BMW Team Italia che si erano presentati al Mugello da leader del campionato e con i favori del pronostico, ma soprattutto con la presenza al volante della M6 GT3 di Alex Zanardi. Il campione bolognese ha gestito bene la prima parte di gara, seguito da un accorto Comandini, ma è stato nel terzo stint che qualcosa è andato storto. La rottura di un cuscinetto, infatti, ha costretto lo svedese Johansson al ritiro alla 63^ tornata e all’abbandono del primo posto virtuale in campionato per i colori BMW.

Sul terzo gradino del podio sono saliti Colombo-Linossi-Zampieri, un ottimo risultato tenuto conto che ha permesso a Stefano Colombo e a Francesca Linossi di fregiarsi della vittoria finale nella GT3 Pro-Am. Un titolo italiano meritatissimo per la giovane pilota bresciana e per il suo compagno nella vita, già campione italiano nel 2012, conquistato al termine di una stagione combattuta e che li ha visti prevalere sulle Lamborghini Huracan di Perolini-Gersekowski e Kang Ling e sulla Ferrari 488 di Di Amato-Vezzoni.

GT4: Una vittoria sul filo dei secondi è arrivata anche nella classe GT4, che ha visto trionfare Giuseppe Ghezzi e Riccardo Chiesa (Porsche Cayman). I portacolori dell’Autorlando, affiancati da Fabio Babini, non hanno sbagliato un colpo e sono stati sempre al comando. Una vittoria che in gara non è mai stata messa in discussione, ma che altrettanto non si può dire quella in campionato. Alle loro spalle, infatti, si sono alternati diversi equipaggi, ma al termine delle tre ore sono stati Fascicolo-Guerra-Fontana (BMW M4 GT4), alla fine terzi in campionato, e Francia-Pajuranta-Rodrigues (Maserati Gran Turismo) a completare l’ultimo podio stagionale. Per i portacolori di BMW Team Italia, ancora in lizza per il titolo, è stata una gara tutta in rimonta, dopo essere partiti dall’ultima fila dello schieramento per un problema tecnico nelle prove ufficiali, mentre per l’equipaggio della V-Action si è trattato del miglior risultato stagionale, esaltato dal bel duello nel finale con la Mercedes AMG di Magnoni-Schjerpen. I portacolori della Nova Race, con il terzo posto, avrebbero potuto fregiarsi del titolo, ma le ultime battute di gara hanno visto Francia prevalere su Magnoni, togliendo per appena tre punti alla compagine varesina un titolo che alla vigilia della gara toscana, con il passaggio da Ginetta a Mercedes, la vedeva favorita anche per una migliore situazione dei risultati da scartare. L’ottimo risultato della compagine di Orlando Redolfi è stato completato dal quinto posto di Cerati-Fondi-Demarchi, mentre è stato un week end da dimenticare per l’Ebimotors, i cui due equipaggi, Gnemmi-Neri-Riccitelli e Piccioli-Costa-Mancinelli sono stati costretti al ritiro. Sfortuna anche per il secondo equipaggio della V-Action, Baratto-Becagli-Bernazzani, al top nella prima parte di gara con Jacopo Baratto, ma out nel secondo stint di Adriano Bernazzani per la rottura di una sospensione, così come per i portacolori della SVC SM, Chodzen-Chodzen-Zamparini, anche loro fuori a 13 giri dalla conclusione.

GT Light: Con il titolo GT Light già assegnato nell’ultimo appuntamento di Vallelunga a Gian Piero Cristoni e Mattia Michelotto (Lamborghini Huracan ST), l’ultima gara della stagione ha portato sul gradino più alto del podio un equipaggio di grande esperienza, ma al debutto nella serie tricolore. Mayer-Schiavoni-Pianezzola, al volante della Ferrari 458 Italia dell’Iron Lynx-RAM hanno preso il comando della classe nelle fasi finali, sfruttando anche un problema tecnico della vettura dei neo campioni italiani, affiancati da Emil Skaras. Con il secondo posto, il 21enne svedese non si è potuto fregiare del titolo italiano assieme ai suoi due coequipier, obiettivo che i portacolori dell’Antonelli Motorsport si erano posti alla vigilia dell’ultimo round stagionale.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:
Per poter entrare a far parte della comunità on-line di www.racepilot.com e accedere ad alcuni servizi quali richieste di informazioni è necessario effettuare la registrazione al sito www.racepilot.com
Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti ed eventuali preventivi.

DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento intermini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi info@racepilot.it . I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server di italiasport.net s.r.l. oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1042761 ). Questo riportato è l´indirizzo controllato in data 28/11/2008 se successivamente variato, non è di nostra competenza, ti consigliamo di cercare sul sito del Garante della Privacy e/o sul sito della Guardia di Finanza.

Titolare del trattamento di dati personali è Racing Press di Paolo Mattiazzo, via Ussi, 22 50018 Scandicci (FI) - tel. 055254690, e-mail: info@racingpress.it. Responsabile designato è Paolo Mattiazzo.
Per ulteriori informazioni:
info@racingpress.it


torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio