28 Novembre 2020
TUTTE LE NEWS

MONZA , : RODA - ROVERA - FUOCO SONO I VINCITORI DEL CAMPIONATO ITALIANO GT

09-11-2020 09:56 - velocità pista
Roda-Rovera-Fuoco (Ferrari 488) si aggiudicano a Monza il Campionato Italiano Gran Turismo EnduranceRoda-Rovera-Fuoco (Ferrari 488) si aggiudicano a Monza il Campionato Italiano Gran Turismo Endurance


I portacolori dell'AF Corse si sono imposti in gara laureandosi campioni al termine di tre ore molto combattute. Gli altri titoli vanno per la classe GT3 PRO-AM a Michelotto-Greco-Hudspeth (Ferrari 488), per la GT4 PRO-AM a Gnemmi-De Castro-Pera (Porsche Cayman) e per la GT4 AM a Luca Magnoni (Mercedes AMG GT4).
Image
Sono Giorgio Roda, Alessio Rovera e Antonio Fuoco (Ferrari 488) i vincitori del Campionato Italiano Gran Turismo Endurance 2020. Il responso è giunto al termine della 4^ ed ultima prova disputata all’autodromo di Monza vinta dai portacolori dell’AF Corse precedendo di 2”879 l’Audi R8 LMS di Drudi-Agostini-Mancinelli (Audi Sport Italia) e di 17”795 la Lamborghini Huracan di Kroes-Shandorff-Tujula (VSR). Gli altri titoli italiani sono stati aggiudicati per la classe GT3 PRO-AM da Hudspeth-Michelotto-Greco (Ferrari 488-Easy Race), per la classe GT4 PRO-AM da Gnemmi-De Castro-Pera (Porsche Cayman-Ebimotors) e per la GT4 AM da Luca Magnoni (Mercedes AMG GT4-Nova Race).

CLASSIFICA ASSOLUTA

GT3

E’ stata una delle gare più emozionanti della stagione quella che ha laureato campioni Roda-Rovera-Fuoco. Un paio di satefy car, diversi cambi di fronte, qualche incidente e alcune penalizzazioni hanno tenuto fino alla fine incerto l’esito del campionato che alla vigilia vedeva ancora diversi equipaggi in lizza. Alla fine dalla roulette di Monza è uscita la Ferrari dell’AF Corse, nonostante un primo stint di Roda penalizzato da un eccessivo degrado della gomma, neutralizzato, però, dall’ingresso della prima safety car resasi necessaria per l’uscita di pista di una vettura della classe GT4. La rimonta è iniziata subito, all’inizio del secondo stint, con Rovera che ha mantenuto il contatto con i primi riuscendo poi a passare Giammaria e cedendo la vettura a Fuoco in quarta posizione. Il cosentino nel suo stint, combattutissimo, è stato impeccabile, tenendosi all’inizio fuori dalla bagarre per il primo posto tra Drudi e Krohn, e poi dopo aver scavalcato Kroes, si è mantenuto in scia di Drudi, nel frattempo penalizzato di 5 secondi per il contatto con il portacolori BMW. Sotto alla bandiera a scacchi Fuoco ha terminato alle spalle di Drudi, poi retrocesso in seconda posizione in equipaggio con Mancinelli e Agostini, alla fine secondi in campionato a 8 punti dai vincitori.

Sul terzo gradino del podio hanno concluso Kroes-Shandorff-Tujula (Lamborghini Huracan-VSR), bravi a lottare fino alla fine per un titolo che alla fine li vedeva ancora in lizza. Il pilota danese ha occupato un’ottima terza posizione nel primo stint, mentre Tujula è passato a condurre al primo cambio. Nel finale, invece, Kroes è rimasto invischiato nella bagarre, cedendo poi a Drudi e Fuoco, chiudendo davanti ai compagni di squadra Pulcini-Giammaria-Nemoto. Il pilota giapponese si è tenuto a ridosso dei primi tre nel suo stint, mentre Giammaria ha acceso un bel duello con Rovera, lasciando a Pulcini un’infuocata fase finale, peraltro gestita ottimamente dal giovane pilota romano. Al quinto posto si è classificata un’altra Huracan, quella di Galbiati-Venturini-Altoè, che ha permesso a Kikko Galbiati e Giovanni Venturini di conquistare il terzo posto in campionato ad un solo punto dai portacolori Audi, precedendo la Ferrari 488 dei campioni della classe GT3 PRO-AM, Sean Hudspeth, Mattia Michelotto e Matteo Greco (in foto). L’equipaggio dell’Easy Race, per centrare l’obiettivo del titolo, doveva concludere davanti alla 488 di Di Amato-Vezzoni, e così è stato. Per i colori RS Racing, sono stati impeccabili i due stint di Di Amato, mentre Vezzoni ha sofferto problemi di assetto dopo il contatto con la Mercedes AMG di Moiseev.

Ancora tanta sfortuna, invece, per i colori BMW che per il secondo anno consecutivo hanno dovuto dire addio ad un titolo ormai nelle proprie mani. Così come lo scorso anno nell’ultima gara del Mugello, in questa edizione un contatto con Drudi, poi penalizzato di 5 secondi, ha impedito a Krohn di continuare la gara, abbandonando così ogni velleità di vittoria finale dopo due ottimi stint di Stefano Comandini e del 17enne tedesco Marius Zug.

Ritiro per incidente anche per le due Mercedes AMG GT3 dell’Antonelli Motorsport. Quella di Moiseev-Spinelli (Mercedes AMG GT3-Antonelli Motorsport) che, dopo un bel primo stint del pilota abruzzese al comando della gara all’ottavo giro, ha concluso la gara anzitempo a causa di una toccata di Vezzoni all’incolpevole pilota russo, e quella di Linossi-Zampieri-Lorandi, out all’ottavo passaggio dopo un’uscita di pista della concorrente bresciana che ha coinvolto anche la Porsche GT3 R di Pampanini-Calamia (Dinamic Motorsport).I portacolori dell'AF Corse si sono imposti in gara laureandosi campioni al termine di tre ore molto combattute. Gli altri titoli vanno per la classe GT3 PRO-AM a Michelotto-Greco-Hudspeth (Ferrari 488), per la GT4 PRO-AM a Gnemmi-De Castro-Pera (Porsche Cayman) e per la GT4 AM a Luca Magnoni (Mercedes AMG GT4).
Image
Sono Giorgio Roda, Alessio Rovera e Antonio Fuoco (Ferrari 488) i vincitori del Campionato Italiano Gran Turismo Endurance 2020. Il responso è giunto al termine della 4^ ed ultima prova disputata all’autodromo di Monza vinta dai portacolori dell’AF Corse precedendo di 2”879 l’Audi R8 LMS di Drudi-Agostini-Mancinelli (Audi Sport Italia) e di 17”795 la Lamborghini Huracan di Kroes-Shandorff-Tujula (VSR). Gli altri titoli italiani sono stati aggiudicati per la classe GT3 PRO-AM da Hudspeth-Michelotto-Greco (Ferrari 488-Easy Race), per la classe GT4 PRO-AM da Gnemmi-De Castro-Pera (Porsche Cayman-Ebimotors) e per la GT4 AM da Luca Magnoni (Mercedes AMG GT4-Nova Race).

CLASSIFICA ASSOLUTA

GT3

E’ stata una delle gare più emozionanti della stagione quella che ha laureato campioni Roda-Rovera-Fuoco. Un paio di satefy car, diversi cambi di fronte, qualche incidente e alcune penalizzazioni hanno tenuto fino alla fine incerto l’esito del campionato che alla vigilia vedeva ancora diversi equipaggi in lizza. Alla fine dalla roulette di Monza è uscita la Ferrari dell’AF Corse, nonostante un primo stint di Roda penalizzato da un eccessivo degrado della gomma, neutralizzato, però, dall’ingresso della prima safety car resasi necessaria per l’uscita di pista di una vettura della classe GT4. La rimonta è iniziata subito, all’inizio del secondo stint, con Rovera che ha mantenuto il contatto con i primi riuscendo poi a passare Giammaria e cedendo la vettura a Fuoco in quarta posizione. Il cosentino nel suo stint, combattutissimo, è stato impeccabile, tenendosi all’inizio fuori dalla bagarre per il primo posto tra Drudi e Krohn, e poi dopo aver scavalcato Kroes, si è mantenuto in scia di Drudi, nel frattempo penalizzato di 5 secondi per il contatto con il portacolori BMW. Sotto alla bandiera a scacchi Fuoco ha terminato alle spalle di Drudi, poi retrocesso in seconda posizione in equipaggio con Mancinelli e Agostini, alla fine secondi in campionato a 8 punti dai vincitori.

Sul terzo gradino del podio hanno concluso Kroes-Shandorff-Tujula (Lamborghini Huracan-VSR), bravi a lottare fino alla fine per un titolo che alla fine li vedeva ancora in lizza. Il pilota danese ha occupato un’ottima terza posizione nel primo stint, mentre Tujula è passato a condurre al primo cambio. Nel finale, invece, Kroes è rimasto invischiato nella bagarre, cedendo poi a Drudi e Fuoco, chiudendo davanti ai compagni di squadra Pulcini-Giammaria-Nemoto. Il pilota giapponese si è tenuto a ridosso dei primi tre nel suo stint, mentre Giammaria ha acceso un bel duello con Rovera, lasciando a Pulcini un’infuocata fase finale, peraltro gestita ottimamente dal giovane pilota romano. Al quinto posto si è classificata un’altra Huracan, quella di Galbiati-Venturini-Altoè, che ha permesso a Kikko Galbiati e Giovanni Venturini di conquistare il terzo posto in campionato ad un solo punto dai portacolori Audi, precedendo la Ferrari 488 dei campioni della classe GT3 PRO-AM, Sean Hudspeth, Mattia Michelotto e Matteo Greco (in foto). L’equipaggio dell’Easy Race, per centrare l’obiettivo del titolo, doveva concludere davanti alla 488 di Di Amato-Vezzoni, e così è stato. Per i colori RS Racing, sono stati impeccabili i due stint di Di Amato, mentre Vezzoni ha sofferto problemi di assetto dopo il contatto con la Mercedes AMG di Moiseev.

Ancora tanta sfortuna, invece, per i colori BMW che per il secondo anno consecutivo hanno dovuto dire addio ad un titolo ormai nelle proprie mani. Così come lo scorso anno nell’ultima gara del Mugello, in questa edizione un contatto con Drudi, poi penalizzato di 5 secondi, ha impedito a Krohn di continuare la gara, abbandonando così ogni velleità di vittoria finale dopo due ottimi stint di Stefano Comandini e del 17enne tedesco Marius Zug.

Ritiro per incidente anche per le due Mercedes AMG GT3 dell’Antonelli Motorsport. Quella di Moiseev-Spinelli (Mercedes AMG GT3-Antonelli Motorsport) che, dopo un bel primo stint del pilota abruzzese al comando della gara all’ottavo giro, ha concluso la gara anzitempo a causa di una toccata di Vezzoni all’incolpevole pilota russo, e quella di Linossi-Zampieri-Lorandi, out all’ottavo passaggio dopo un’uscita di pista della concorrente bresciana che ha coinvolto anche la Porsche GT3 R di Pampanini-Calamia

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:
Per poter entrare a far parte della comunità on-line di www.racepilot.com e accedere ad alcuni servizi quali richieste di informazioni è necessario effettuare la registrazione al sito www.racepilot.com
Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti ed eventuali preventivi.

DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento intermini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi info@racepilot.it . I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.
- I dati possono essere archiviati su server di italiasport.net s.r.l. oppure in copia di sicurezza archiviati dal proprietario del sito internet.
AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1042761 ). Questo riportato è l´indirizzo controllato in data 28/11/2008 se successivamente variato, non è di nostra competenza, ti consigliamo di cercare sul sito del Garante della Privacy e/o sul sito della Guardia di Finanza.

Titolare del trattamento di dati personali è Racing Press di Paolo Mattiazzo, via Ussi, 22 50018 Scandicci (FI) - tel. 055254690, e-mail: info@racingpress.it. Responsabile designato è Paolo Mattiazzo.
Per ulteriori informazioni:
info@racingpress.it


torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio